Le combinazioni alimentari

0

Usualmente abbiniamo i cibi per poter compiacere al nostro palato o per tradizioni che abbiamo ereditato, senza mai chiederci se mangiare alcuni cibi assieme durante un pasto ci portano a mantenere la salute o meno.

Ogni tipologia di alimento viene digerito con tempi e metodologie differenti. Alcune volte, infatti, dopo un pasto ci accorgiamo di non star tanto bene, senza capirne esattamente il motivo.

Ecco quali sono le combinazioni alimentari che non ti permettono di digerire ed assimilare al meglio i cibi che ingerisci.

COMBINAZIONE ACIDO-AMIDO

Partendo dal concetto che tanto maggiore è il lavoro della saliva tanto minore sarà quello delle altre secrezioni. L’acido ossalico arresta completamente l’azione della ptialina. Con la distruzione della ptialina la digestione dell’amido si arresta. Gli acidi contenuti nei pomodori, nelle arance, nei pompelmi, nei limoni, nei cedri, negli ananas e nel resto della frutta acida sono sufficienti per distruggere la ptialina e sospendere la digestione degli amidi. E’ importante mangiare la frutta almeno 30 minuti prima dei pasti o mangiare amidi e acidi in pasti separati.

COMBINAZIONE PROTEINA-AMIDO

Lo stomaco, quando mangiamo un alimento amidaceo, secerne uno specifico succo gastrico, mentre quando mangiamo un alimento proteico, secerne un succo gastrico di composizione diversa. Se si mangiano nello stesso pasto pane e carne nello stomaco verrà versato un succo gastrico molto acido che rallenterà la digestione. L’assunzione di proteine deve avvenire prima degli amidi o in pasti separati.

COMBINAZIONE PROTEINA PROTEINA

Due proteine, diverse per composizione, per essere efficacemente digerite richiedono secrezioni digestive diverse in tempi diversi. E’ consigliato mangiare un unico tipo di proteina a pasto ( es. no carne alla Bismark o alla pizzaiola )

COMBINAZIONE ACIDO-PROTEINA

La scissione delle sostanze proteiche complesse in elementi più semplici avviene nello stomaco grazie alla pepsina, che agisce solo in ambiente acido. Gli acidi impediscono il versamento del succo gastrico e quindi ostacolano la digestione delle proteine. Mangiare proteine e acidi in pasti separati.

COMBINAZIONE GRASSO PROTEINA

I grassi hanno un’azione inibitrice  sulla secrezione del succo gastrico. Quando si mangia un elemento proteico non si deve assumere grassi nello stesso pasto.

COMBINAZIONE ZUCCHERO-PROTEINA

Tutti gli zuccheri inibiscono la secrezione del succo gastrico e la motilità dello stomaco. Gli zuccheri assunti con le proteine ritardano l’assunzione di quest’ultime. Mangiare zuccheri e proteine in pasti separati.

COMBINAZIONE ZUCCHERO-AMIDO

Gli amidi iniziano la digestione nella bocca e poi la continuano nello stomaco; i zuccheri non vengono digeriti nella bocca e nello stomaco, ma solo nell’intestino tenue. Questa associazione porta alla fermentazione acida. Quindi marmellate, conserve, zucchero, miele, melasse aggiunte a  torte, pane, biscotti, cereali o patate producono fermentazione.

Come possiamo quindi combinare in modo corretto gli alimenti?

Ecco le migliori combinazioni alimentari.

Come mangiare le proteine:

Gli alimenti che meglio si combinano con quelli contenenti proteine sono i vegetali non amidacei come ad esempio spinaci, bietole, cavolo cinese, broccoli, cavolo capuccio, asparagi, cavoletti di Bruxelles, zucchine, cipolle, sedano, lattuga, cetrioli, crescione, prezzemolo, dente di leone. E’ consigliato consumare le proteine alla sera.

Come mangiare l’amido:

Non è bene mangiare più di due elementi zuccherini o amidacei per pasto. Lo zucchero con l’amido da vita alla fermentazione. Quindi un solo amido a pasto e senza associare altri alimenti zuccherini. Con un pasto amidaceo si accompagna molto bene una buona insalata di verdure tralasciando pomodori ed ortaggi acidi. E’ consigliato masticare pane, cereali ed altri alimenti amidacei  a lungo, così che la saliva abbia il tempo di incominciare la digestione. E’ importante inoltre non indebolire l’azione della saliva sugli amidi ingerendo acqua; l’acqua dovrebbe essere assunta almeno 15 minuti prima dei pasti. Il pasto amidaceo va mangiato a mezzogiorno.

Come mangiare la frutta:

La frutta consumata duranti i pasti assieme ad altri alimenti è responsabile della formazione di numerosi disturbi. La frutta è quindi consigliabile mangiarla come colazione a stomaco pieno e lontana dai pasti. Consumare frutta o succhi di frutta tra un pasto e l’altro crea problemi di cattiva digestione, fermentazione e formazione di gas. E’ consigliabile mangiare una tipologia di frutta alla volta o almeno non mescolare frutti prevalentemente acidi con quelli prevalentemente amidacei. Macedonie di arancia, melone e banana sono un esempio di cattiva combinazione alimentare. Anguria e melone non vanno mai mangiati assieme ad altri tipi di frutta.

 

Socialize

Classe 87, cresce con lo Yoga, uno stile di vita naturale ed…

Leave A Reply