Lentil as Anything

0

Oggi vogliamo raccontarvi qualcosa dell’Australia, qualcosa che vi permetterà di capire un po’ di più dell’anima moderna di questo paese: Lentil as anything!

lentil as anything

Ma che cos’è “Lentil as anything”?

“Lentil as anything” è un’organizzazione no profit con un progetto molto particolare, quello di un ristorante vegetariano ad offerta libera, con lo scopo di evolvere l’importo monetario in beneficenza.

Nasce nel 2000 dall’idea di Shanaka Fernando, cingalese di origine, ma con grande esperienza come viaggiatore.

585386-lentil-as-anything

Con questa iniziativa l’associazione si propone di:

  • Dare una valenza al cibo non in relazione al danaro

Il cibo è un bene di base, che dovrebbe essere alla portata di tutti

  • Dare la possibilità di mangiare sano a tutti senza distinzione di ceto sociale

La possibilità di mantenersi in salute non dovrebbe essere esclusiva

  • Riformattare la società proponendo regole di non spreco e di rispetto ambientale

Dosare le quantità di cibo per il nostro fabbisogno

  • Incoraggiare i giovani a partecipare ad azioni di volontariato

Stimolare i giovani a non legare ogni azione ad un ritorno, in special modo monetario

  • Incoraggiare la multiculturalità

Tutti sono i benvenuti e vengono rispettati ed apprezzati per i loro usi e costumi

Dove e cosa propone “Lentil as anything”?

“Lantil as anything” sitrova in Australia e più precisamente a Melbourne in tre location: St Kilda, Abbotsford e Footscry. Tutti e tre i ristoranti propongono tre pasti giornalieri, alcuni dei quali a la carte ed altri a buffè con menù giornaliero. I cibi sono vegetariani, vegani o senza glutine ed i menù proposti sono multiculturali, si possono trovare piatti di origine indiana, vietnamita, cingalese, italiana, greca, inglese; inoltre durante qualunque pasto è possibile anche gustare un buon chai o una cioccolata calda.

images (1)

Alcune recensioni su questo ristorante parlavano anche di cibi biologici, non abbiamo avuto modo di constatare l’origine di frutta e verdura, ma gli altri prodotti utilizzati per la preparazione dei cibi non sono di origine biologica.

La nostra esperienza da Lentil as anything

Già prima di raggiungere l’Australia eravamo venuti a conoscenza del fatto che a Melbourne esistessero diverse realtà “alternative”, come orti comuni, comunità dove poter coltivare bio, cucinare e praticare yoga assieme e ristoranti vegetariani ad offerta libera. Così ci siamo lanciati alla scoperta di “Lentil as anytihing”, ignari del fatto che questa associazione avesse più location, ci siamo recati nell’unica che ci era nota, quella nel pearticolare quartiere sul mare di san Kilda, a sud della città. L’idea che ci eravamo fatti era tutt’altro diversa dalla realtà…infatti pensavamo fosse un ristorante frequentato principalmente da persone con problemi economici, senza tetto o simili, invece era totalmente l’opposto. L’intimo localino ospitava principalmente persone medio benestanti, studenti, coppie adulte, più o meno la stessa clientela di ogni ristorante. A St Kilda abbiamo trovato un menù a la carte molto gustoso,

lentil-anything-syd-300x0                                  IMG_5993

ma a nostro avviso la posizione della cassettina deposita soldi nel centro della sala e i numerosi cartelli che ricordavano di pagare in base a ciò che si ordinava potevamo mettere a disagio chi non aveva un grande disponibilità economica. Nei giorni successivi, visitando i vari quartieri di Melbourne, siamo venuti a conoscenza di una seconda location di “Lantil as anything”, Abbostford Convent.

1b2b51c7abc848a799d10412aa8552e6

Abbostford Convent è la casa virtuale di artisti, scrittori, associazioni culturali, ristoranti, cafè, radio, scuole ( scuola steineriana ) e pratiche per il benessere, quali agopuntura, massaggi, caunselling, chinesiologia, yoga e metodo Feldenkrais. Il luogo è molto suggestivo trattandosi di un veccio convento in pietra con un ampissimo parco che alcune domeniche orspita il mercato biologico. Recandoci al ristorante per la cena ci siamo accorti di non essere gli unici ad apprezzare il luogo ed il ristorante, infatti dall’ora di apertura fino alla chiusura delle cucine la fila per accedere al buffet è sempre molto lunga. Il menù varia da giorno in giorno ed è possibile mangiare quanto si vuole, per consumare il pasto ci sono tavoli sia all’aperto che all’interno del ristorante,

images (2)

ma spesso d’estate, per il super affollamento, anche il prato diventa il tavolo di tutti. Inoltre ogni sera c’è la possibilità di avere musica dal vivo di ogni genere e proveniente da ogni paese. I clienti sono vari, dai senza tetto e “backpacker” a studenti e ragazze fashion a famiglie e 60enni che festeggiano il compleanno. I “camerieri” ed i cuochi spesso cambiano di sera in sera essendo semplicemente dei volontari.

Lentil as anything è stata per noi un’esperienza unica, che ci ha fatto osservare tipologie di persone molto differenti tra loro unite dalla voglia di cambiamento, un cambiamento antisociale, antiprofitto e rispettoso dell’ambiente.

Socialize

Classe 87, cresce con lo Yoga, uno stile di vita naturale ed…

Leave A Reply