Star bene con l’idroterapia

0

Idroterapia significa dal greco cura con l’acqua.

2259_620x290

L’idroterapia comprende due grossi campi d’applicazione:

  • le applicazioni esterne:  bagni, getti e impacchi
  • le applicazioni interne: inalazioni ed enteroclismi

L’acqua può reagire attraverso stimoli termici, meccanici, per reazione e per riflesso.

Lo stimolo termico: l’acqua morta ( cioè quella con temperatura compresa tra i 35 e i 37 gradi ) non ha nessuno stimolo, avendo una temperatura vicina a quella corporea. Più grande è la differenza tra la temperatura del corpo umano e quella dell’acqua maggiore è la reazione.

Lo stimolo per reazione: può avvenire grazie all’acqua calda o grazie all’acqua fredda.

  • Acqua calda: il suo effetto primario è di eccitamento del cervello e del sistema nervoso, mentre l’effetto secondario è di depressione per azione riflessa. Aumenta il flusso di sangue in circolo, aumenta l’afflusso del sangue dagli organi interni alla periferia. L’applicazione calda deve essere breve altrimenti stanca ed indebolisce; usualmente è seguita da un’applicazione di acqua fredda. Fa aumentare i globuli bianchi e diminuire quelli rossi ( se non seguite da applicazioni fredde.
  • Acqua fredda: il suo effetto primario è quello della costrizione dei vasi sanguigni, utilizzata per regolare l’attività vitale nel trattamento del dolore e delle infiammazioni superficiali.  Il suo effetto è secondario, cioè al pallore iniziale segue una dilatazione dei capillari arteriosi della pelle. Con l’acqua fredda viene attivato il calore nel corpo, aumenta la circolazione, tonifica i vasi sanguigni, rinforza il muscolo cardiaco, migliora il metabolismo, migliora la respirazione, giova agli organi interni, stimola i centri nervosi, stimola l’eliminazione delle sostanze tossiche.

Lo stimolo meccanico: varia in base a come viene utilizzata l’acqua. Lo stimolo cambia se l’utilizzo è localizzato o esteso a tutto il corpo.

Lo stimolo di riflesso: il beneficio non rimane localizzato solo nell’area stimolata, ma si possono avere benefici anche nelle aree riflesse. la superficie cutanea è collegata per via riflessa con gli organi interni, secondo un modello segmentario detto Zone di Head, che si basa sulla distribuzione dei nervi cutanei.

A cosa serve?

Principalmente ha un’azione disintossicante e di rinvigorimento.

Può essere utilizzata per mantenersi in buona salute e aumentare la resistenza fisica ( aumenta le difese immunitarie ) e psichica, ma anche per curare quasi tutte le malattie sia quelle acute che quelle croniche.

Applicazioni

L’idroterapia può essere applicata in diversi modi:  l’droterapia esterna attraverso bagni ( interi o parziali, detti semicupi ), getti ( acqua diretta unicamente sulle aree riflessogene muscolari ), compresse e impacchi, applicazioni di vapore, crioterapia ed impiastri; l’idroterapia interna attraverso gli enteroclismi, le irrigazioni del colon e le inalazioni.

Socialize

Classe 87, cresce con lo Yoga, uno stile di vita naturale ed…

Leave A Reply